BioBui(L)t-Txema

Finanziato il 26 / 01 / 2014
Missione compiuta!
Ottenuto
€ 10.005
Minimo
€ 4.000
Ottimo
€ 6.000
117 Co-finanziatori
Collaborando € 10
Gratitudine

Una piccola quantità è molto importante per poter dimostrare alle persone che hanno già investito nel progetto un gran numero di ore e molto talento / conoscenze proprie che questo progetto è possible! Il tuo nome sará “stampato” sull’edificio ed ovviamente nei social network!

> 12 Co-finanziatori
Collaborando € 20
Socio BaM-Txema

Potrai accedere alle attivitè dell’Associazione BaM (bioarchitettura mediterranea): Congresso Architettura e Salute, Pubblicazioni e Workshop con lo sconto riservato ai soci. Questo significa che con un contributo di 20€, sarai socio di BaM ed il tuo nome apparirà nella web e sull’edificio.

> 14 Co-finanziatori
Collaborando € 25
Manuale pratico per intonaci di fango, Prof. Gernot Minke

L’ associazione BaM, tra le varie attività promuove anche la pubblicazione di testi pratici scritti da persone di riferimento nel campo della costruzione con materiali sani e naturali. In accordo con la casa editrice Icaria, e grazie alla generosità di un maestro come il Prof. Gernot Minke, abbiamo pubblicato questo piccolo ma utilissimo libro. Cosí, con un supporto di 25€, riceverai il manuale e sarai soci@ di BaM, a parte che il tuo nome apparirà nella web e sull’edificio.

> 38 Co-finanziatori
Collaborando € 40
Edizione speciale maglietta fibra ecologica Thinking MU

Edizione limitata della maglietta di cotone organico disegnata per BioBui(L)t – Txema per la firma Thinking MU, che rinnova la sua collaborazione con l’associazione BaM e la sua scommessa su attività ed imprese compromesse con la società e l’ambiente. Così, con un supporto di 40€, riceverai una maglietta Thinking MU edizione speciale del progetto, sarai soci@ di BaM ed il tuo nome apparirà nella web e sull’edificio.

> 23 Co-finanziatori
Collaborando € 100
Progetto BioBui(L)t - Txema

Riceverai una copia digitale di tutta la documentazione del progetto: tavole tecniche, dettagli costruttivi, relazione di progetto, licenze e permessi. Tutta la documentazione sará disponibile per essere scaricata on-line o via mail. Se apporti 100€, potrai ottenere una copia digitale di tutta la documentazione del progetto + pubblicazione del Prof. Minke + iscrizione come socio BaM + nome sull’edificio e nella web.

> 25 Co-finanziatori

Su questo progetto

Biocostruzione collettiva di una sala per attività autogestita nel centro storico di Barcellona
Compito Minimo Ottimo
Disegno ed organizzazione dei workshop di autocostruzione
Abbiamo necessità di disegnare le dinamiche e costruire i documenti necessari a permettere l'integrazione di tutti i cittadini nel cantiere per poter lavorare in condizioni divertenti ma, allo stesso tempo, sicure.
€ 1.000
Celebrazione di inizio cantiere
Disegno e preparazione di esposizioni per poter celebrare il processo di progetto e le fasi di cantiere, con tutte le persone ed entità che hanno partecipato e la collaborazione di “maestri” che hanno rappresentato un riferimento ideale e materiale per tutti/e gli implicati nel cantiere.
€ 500
Infrastruttura Minimo Ottimo
Infrastruttura
Necessitiamo poter far fronte alle spese di progetto - licenza e assicurazione del cantiere che il comune di Barcellona esige per la costruzione e la successiva realizzazione delle attività. Cosí come disporre di un piccolo fondo per poter assumere tranquillamente le spese dei consumi di acqua e luce che si possano produrre durante il cantiere.
€ 1.000
Cucina in cantiere
Sarebbe molto pratico, utile e bello avere a disposizione una struttura per poter preparare da mangiare agli autocostruttori e a tutti coloro che collaborino alla realizzazione del edificio. Da paellas a insalate, acqua, ecc. ecc. Tutto il necessario che ci permetta di lavorare in condizioni degne.
€ 500
Materiale Minimo Ottimo
Strumenti ed elementi ausiliari per gli autocostruttori
Al fine di permettere la partecipazione, necessitiamo dotare tutte le persone di strumenti basici per lavorare, com e ad esempio spatole, secchi, guanti, caschi e allo stesso tempo abbiamo bisogno di un piccolo fondo per poter assicurare la fornitura di elementi ausiliari per la costruzione come, trapani o carrelli impalcature.
€ 2.000
Aiuto per i costi di trasporto e spostamento dei materiali
Nonostante per le persone sia molto facile raggiungere il cantiere, la gestione della logistica per l’arrivo dei materiali nel centro storico di Barcellona non é assolutamente semplice. Siamo nel cuore della città storica e l’accesso ai mezzi é limitato nel tempo e gli spazi di carico - scarico sono molto ridotti. Ci piacerebbe trasformare anche questa atività in un’attività di divulgazione affinchè siano visibili i costi di trasporto e si possano implementare soluzioni alternative di minor impatto ambientale che peró non richiedano maggiore energia umana.
€ 1.000
Totale € 4.000 € 6.000
Imprescindibile
Aggiuntivo

Informazione generale

Abbiamo creato un processo di disegno collettivo che possa integrare la partecipazione libera e variabile di tecnici appassionati. Allo stesso modo creeremo l'edificio: collettivamente e secondo la capacità e la libera disponibilità di ogni persona. Costruiremo una sala di circa 90m2, destinata a varie attività, con materiali come la paglia, l’argilla, la canapa, la canna di fiume e la calce… e questo nella migliore ubicazione, nel cuore della città di Barcellona!

Ci implichiamo con passione e proponiamo con allegria una sfida d’ innovazione collettiva che possa mostrare ai cittadini e al mondo che é possibile autocostruire un artefatto con queste caratteristiche in pieno centro storico, impiegando materiali sani e naturali che saranno riutilizzati come compost alla fine del ciclo di vita dell’edificio.

Il cantiere sará aperto a tutti i cittadini, avrà una durata di circa un anno e offrirà la possibilità di utilizzare uno spazio ubicato nel centro della città ed a fianco di grandi strutture culturali come il MACBA (Museo d’Arte Contemporanea di Barcellona), il CCCB (Centro di Cultura Contemporanea di Barcellona) e la Facoltà di Geografia della UB (Università di Barcellona), affinché i cittadini possano incontrarsi e confrontarsi con professionisti di diversi ambiti e, tra tutti possiamo apprendere ed appoggiarci rispettivamente per poter vivere in un ambiente piú sano e giusto.

Descrizione del progetto. Caratteristiche, punti di forza e peculiarità.

Autocostruzione di un edificio con materiali naturali compostabili nel cuore del centro storico di Barcellona per la creazione dello spazio autogestito “BioBui(L)t - Txema”, destinato ad attivià di formazione, ricerca, divulgazione e promozione di pratiche di costruzione naturale e salutare nel Mediterraneo.
Vogliamo creare uno spazio di incontro e intercambio tra cittadini, che possa permettere di apprendere e fomentare le capacità di creazione e scambio che ciascuno possiede, sperimentando sistemi innovatori di comunicazione e di lavoro collettivo.
Le attività progettuali prima ed il processo di costruzione in se, vogliono recuperare la dimensione sociale e comunitaria del processo della costruzione.
Il progetto é aperto a tutti ed i risultati ottenuti e le attivitá sviluppate saranno accessibili ai cittadini, al di là della disponibilitá e delle risorse di ciascuno.

Motivazione e a chi si dirige il progetto

Le motivazioni principali riguardano l'urgenza di poter creare e dimostrare che altre forme di costruire e vivere la città sono possibili.

Di fronte della devastante economia attuale, per poter aprire nuovi cammini, pensiamo che sia assolutamente necessario creare spazi di costruzione collettiva que provengano dalle apportazioni di settori e da atteggiamenti vitali molto diversi tra loro, ma connessi dal desiderio / necessità di poter creare e vivere in spazi più sani, più umani e più ricchi in opportunità e risorse, senza dover compromettere le generazioni future e/o determinati settori della cittadinanza.

Obiettivi della campagna di crowdfunding

Attraverso questo progetto di costruzione collettiva, perseguiamo le seguenti mete:

  • Sperimentare e raccogliere dati tecnici attinenti all’uso di materiali come paglia / argilla / canapa...

  • Formazione di tecnici e cittadini nelle pratiche di costruzione salutare e impiego di materiali sani e naturali.

  • Fomento dell'innovazione tecnologica e della capacità di lavoro collettivo dei cittadini.

  • Creazione di uno spazio - mostra - esempio di buone pratiche in trasformazione dell'impatto ambientale e sociale della costruzione.

  • Costituire uno spazio d’incontro e intercambio tra professionisti di varie discipline ed i cittadini, così come uno spazio destinato alla celebrazione di esposizioni, promozione e dibattito per la riflessione sulle dinamiche di partecipazione della cittadinanza in progetti collettivi.

  • Appoggio a piccole imprese e/o professionisti compromessi con la salute nella costruzione.

Esperienza previa e team

Il progetto ha inizio grazie all’impuslo dei volontari dell’Associazione BaM (bioarchitettura mediterranea), coordinati da V.Maini, bio- architetto specializzata in costruzioni in paglia e appassionata / compromesa in imprese che sembrano impossibili.
Con loro lavorano:

E. Silvestre, biòloga con un passato come ricercatrice in genètica e pionera in studi di bioabotabilitá e relazione tra architettura e patologia ambientali.

T. Solanas, architetto che possiede una ampia esperienza professionale. Implicato attivamente nella costruzione di spazi di dibattito ed appoggio collettivo tra istituzioni e realtá informali, come per esempio la “Agrupació AUS” (architettura e sostenibilità) o la cooperativa J. Capell del collegio degli architetti di Barcellona.

Questo nucleo iniziale ha fomentato e reso possible varie attivitá di formazione e dialogo come: congressi, esposizioni ed itinerari per la divulgazione di buone pratiche e conoscenza nell’ambito della relazione tra architettura e salute. Questa equipe ha anche aperto il processo del progetto che presentiamo alla partecipazione di altre entitá e/o tecnici interessati.

Attualmente il progetto conta con il compromesso di un gruppo di circa 20 professionisti ed attivisti, così come con l’appoggio di entitá come Permacultura Barcellona, Investigazione Canyera, SiteSize, COAC Barcelona ed imprese che offrono materiali, come Slow-House (terra), Casaspasivas (paglia), Hempsystem (canapa), Olab – Labs (produzione digitale).

Grazie al processo BioBui(L)t abbiamo potuto superare le barriere dei topici tra “famiglie”, creando cosí le condizioni affinchè gruppi e singole persone, che normalmente non lavorano insieme, possano elaborare e appoggiare congiuntamente un progetto.

Nel cambio, tra fase di progetto e fase di costruzione, abbiamo vissuto l’improvvisa ed inaspettata perdita di Txema, un collaboratore aperto ed appassionato, il quale ci ha permesso di comprendere la fragilità delle apportazioni di ciascuno di noi. Abbiamo deciso quindi, di ribattezzare il progetto in suo onore ed in quello della sua famiglia che ci hanno dimostrato l’assoluta importanza del saper sognare e compromettersi con i sogni.

Impegno sociale